MammellArt – festival dell’Arte

I edizione – Luglio 2017

MammellArt è figlia della goliardia. Il Festival, nato da un’idea della Pro Loco “Nuova Lauro”, ha come obiettivo la promozione culturale e turistica di Lauro.Le piccole realtà troppo spesso “subiscono” l’imponenza dei grossi centri limitrofi.
Non è detto, però, che trattandosi di piccole realtà, siano queste meno importanti;
Lauro è una terra di passaggio, lo è stata sempre nel corso dei millenni. Ma ciò non toglie che sia stato un presidio preistorico, sannita, romano e che nel medioevo possa essere stato il fulcro di una società feudale, come testimonia la magnifica costruzione del castello Lancellotti, che spadroneggia sulla vallata. Anzi, sul Vallo: il Vallo di Lauro.
E più che mai, oggi le persone amano riscoprire luoghi più tranquilli, lontani dalle frenetiche città e dai rumorosi, caotici paesaggi metropolitani. Capita allora che un gruppo di amici, varcando la porta di Fellino, guardi affascinato il torrione sulla sinistra, sopra la “Villetta” e si soffermi ad osservare i murales che colorano i muri in pietra viva del centro storico.

Lauro è storia, è cultura; ma è anche agricoltura, con i suoi infiniti noccioleti, con i castagneti e gli antichi vigneti; è un verde itinerario con le sue strade sterrate perennemente battute da ciclisti e podisti; è una riserva naturale, è religione, con i suoi santi patroni celebrati e difesi nei secoli.

Lauro è il silenzio degli uliveti di Sant’Angelo, l’odore acre degli antichi frantoi, lo scintillio delle fornaci per la terracotta ed il falò della notte Santa; è l’arte delle grottesche e degli antichi altari, quelli romani e quelli cristiani.
Noi della Pro Loco allora abbiamo pensato di azzardare. Abbiamo aggiunto, ad esempio, a tutti questi interessi l’innovazione della Street Art. Da quest’anno alcuni degli “artisti con le bombolette” più famosi d’Europa lavoreranno sui muri di Lauro, raccontando la nostra storia, ma a modo loro, con i loro colori vivaci ed i nuovi stili, che piacciono tanto ai giovani e magari faranno storcere il naso a qualche romantico classicista… ma si sa, l’arte è anche provocazione.

Proprio in nome della provocazione abbiamo deciso di portare il ritmo delle Tammorre tra le silenziose mura di un antico palazzo, sede del museo Nobile, dove secoli fa vigeva il religioso silenzio delle “Rocchettine”. Abbiamo deciso di vivacizzare le calde giornate estive con progetti per bambini e ragazzi, finalizzati anch’essi ad abbellire gli angoli grigi della nostra cittadina con colori e fiori, mentre tra i vicoli si udiranno le musiche ed i canti di corali, cantanti moderni e soavi note d’opera.

Passeremo insieme fresche serate in compagnia del buon vino locale, dei prodotti della nostra terra e frutto del nostro lavoro, ci divertiremo con i nostri attori di teatro, leggeremo versi, prose, storie di piccole storie e di grandi imprese.

Condivideremo esperienze, progetti, iniziative.
Tutto questo perché crediamo nel valore di un piccolo borgo, il nostro.Perché, quando quel gruppo di amici varca la porta di Fellino noi riusciamo a leggere bene l’espressione dei loro volti.Quell’espressione vogliamo vederla sui volti di ogni visitatore, ogni avventore, ogni ciclista o podista… E anche sui nostri!
Vi aspettiamo a Mammellart, il mese dell’arte e della cultura.

Vai al sito della PRO LOCO

 

Palazzo Pignatelli ospiterà, durante tutto il mese di Luglio, il I Festival delle Arti “Mamm ‘e ll’Art!”

L’edificio si trova nel centro storico di Lauro (Av), ai piedi del Castello Lancellotti e dell’Abbazia di Sant’Angelo. Ospita il Museo Umberto Nobile (l’esploratore artico nato proprio in una casa adiacente e al quale è dedicata la piazza dove sorge il palazzo) e i locali del neonato Liceo Musicale.
Risale al XVI secolo ed è decorato con magnifiche grottesche d’epoca.

Il fulcro del festival sarà l’Arena all’aperto compresa nel cortile del palazzo la quale, dopo un duplice restauro, per la prima volta ospiterà eventi di questo tipo.